“Jump19” tra memoria e futuro

Jump 2019 è stato un ponte tra la memoria e il futuro del settore umanitario. La Senatrice a vita, Liliana Segre, ha ricevuto questa mattina dal Presidente della CRIFrancesco Rocca, la Medaglia d’Oro al merito della Crossa Italiana, a conclusione dell’evento “Jump19 – La storia del Futuro” che si è tenuto in questi giorni a Milano e che ha visto la partecipazione di circa duemila Volontari CRI.

La motivazione

In segno di apprezzamento e riconoscenza per essere portatrice di pace. Per la perseveranza nel mettere la propria esperienza personale e le energie necessarie al servizio della nostra comunità. Per la dedizione e l’impegno profuso nel tramandare la memoria alle nuove generazioni. Per la sua costante azione di sensibilizzazione contro ogni forma di discriminazione”, questa la motivazione.”

Le parole della Senatrice Liliana Segre

Ho conosciuto gli ingiusti. Persone che avevano scelto il male perché era più comodo non ribellarsi e obbedire agli ordini. Quando ho capito che di loro non avevo più paura ed è cresciuto in me un senso di pena per gli ingiusti, mi sono liberata. Ora penso a celebrare l’impegno dei giusti. Proprio come voi”, ha detto Liliana Segre rivolgendosi alla platea dei Volontari CRI.
“Porto il saluto caloroso e il ringraziamento dei 160mila Volontari della Croce Rossa Italiana alla Senatrice a vita Liliana Segre. Grazie per aver avuto il coraggio di testimoniare il suo dolore. Il nostro primo principio è l’Umanità e lei ne è una rappresentante d’eccezione” queste le parole del Presidente della CRI Francesco Rocca durante la cerimonia di consegna della Medaglia d’Oro.

La Medaglia al Mons. Comani

Medaglia d’Oro anche per il Mons. Comani, cappellano Capo del Corpo Militare, recentemente scomparso. Il Viceministro degli Esteri, Emanuela Del Re, ha ricordato questa figura e ha voluto ringraziare i volontari della CRIricordando che “qui c’è l’Italia che merita un applauso e io mi inchino di fronte a ciascuno di voi che siete portatori di un messaggio straordinario”.

[cri.it]

Print Friendly, PDF & Email